Mondiali 1974: GERMANIA OVEST Introduzione. con l’Unione Sovietica. Nel corso della campagna referendaria gli spazi per l’opposizione sono proprio pochi, ma fra questi ci sono alcuni minuti di propaganda televisiva a notte fonda che il fronte anti-Pinochet sfrutta assai bene. Ricorda un po’ la storia della Fontana dei Quattro Fiumi, l’opera del Bernini, a Roma in Piazza Navona. In quegli anni il torneo calcistico delle Olimpiadi è una questione privata dei paesi del blocco socialista, i quali schierano di fatto le nazionali maggiori con il pretesto – soltanto tale – di non avere sportivi professionisti. Il tabellino di Germania Ovest-Italia 1-2, gara disputata il 30/03/1955, competizione Amichevole. Si chiama. Sarà però una delle ultime volte e probabilmente ai piani alti del potere tedesco orientale qualcuno inizia a intuirlo. La sua squadra, la Germania Occidentale, è nettamente favorita: gioca in casa, è campione continentale in carica e schiera una squadra superiore. Prevale il Cile due a uno. Un calciatore della Germania dell’Est approfitta di un torneo di vecchie glorie nella Germania Federale per chiedere asilo politico e non tornare più indietro. Pertanto la DDR chiede e ottiene che la squadra designata a disputare la successiva edizione dei Giochi, in rappresentanza della nazione tedesca, sia decisa da un spareggio. Sarà di conseguenza anche un pezzo di storia. Dopo il brillante secondo posto in Città del Messico, l’Italia, con al suo attivo una serie utile di 15 gare, torna a essere deludente. È stata sequestrata e torturata brutalmente dai militari. È una bella partita colma di occasioni da rete, la maggior parte delle quali a favore dei tedeschi orientali. Di fronte non c’è nessuno. News sulla Nazionale, la storia azzurra, tutti i giocatori, gli allenatori, l'andamento stagione per stagione, le squadre incontrate, gli arbitri e tutti gli incontri disputati dal 1910 ad oggi. Pare che la direzione di gara poco imparziale del brasiliano Marques completi l’opera. Il nuovo trofeo, opera del milanese Silvio Cazzaniga, raffigura due calciatori con le mani levate al cielo che sollevano il mondo: a differenza dell’antenata, la nuova coppa sarà però perenne proprietà della Fifa: alla federazione vincente viene consegnata a titolo definitivo una copia in oro e argento. Si è parlato di questo film come la cronaca di una campagna elettorale, ma è soprattutto l’immagine di un paese distrutto che accenna a sollevarsi solo nei limiti di quanto gli è consentito. La televisione sovietica di solito trasmette le partite della nazionale, ma questa volta, a causa del particolare avversario, rifiuta di farlo – e pertanto non ci sono immagini dell’incontro. Le formazioni occidentali sono generalmente costituite dai settori giovanili. Era il 1954, e il titolo l’aveva conquistato proprio la Germania Occidentale. Quindi URSS – Cile è l’incontro destinato a mandare una delle due formazione in Germania Occidentale per la Coppa del Mondo. Vogliono mostrare chi comanda adesso in Cile e come comanda. L’Unione Sovietica, inoltre, ha rotto le relazioni diplomatiche con il Cile dopo il golpe militare. Succede che negli intrecci per ottenere il passaporto per il palcoscenico tedesco la prima classificata del gruppo 9 della zona europea debba vedersela con la prima classificata del gruppo 3 del Sud America. La partita è in programma allo Stadio Lenin. Si gioca il 26 settembre 1973 a Lipsia, nel gigantesco e splendido Zentralstadium gremito da quasi centomila persone. Italia-Germania Ovest del 1970 è una semifinale dei Mondiali del Messico. Come troppo di frequente accade, la politica puntualmente si intromette nel mondo dello sport. Germania Ovest, 1974
III. A Lima il Perù vince due a zero con doppietta di Sotil, ma a Santiago il Cile si impone con lo stesso risultato. Se ne rende interprete anche Giorgio Chinaglia: sostituito da Valcareggi, mentre sta uscendo dal campo per far spazio ad Anastasi, manda bellamente a quel paese il CT. Approfondisci la nazionale italiana al Mondiale 1974, Amburgo, Berlino, Dortmund, Düsseldorf, Francoforte sul Meno, Gelsenkirchen, Hannover, Monaco e Stoccarda, Germania Ovest 1°, Olanda 2°, Polonia 3°, Brasile 4°, Vladimir Petrovic (Iugoslavia) 18 anni e 364 giorni, Tarcisio Burgnich (Italia) 35 anni e 59 giorni. Ci si chiedeva “. Alla Coppa Rimet, definitivamente assegnata al Brasile, subentra la Coppa del Mondo Fifa. Si chiama Jurgen Sparwasser ed è il calciatore della Germania Est più famoso di sempre. L’Italia scende in campo con: Albertosi, Burgnich, Facchetti, Bertini, Rosato, Cera, Domenghini, Mazzola, Boninsegna, De Sisti, Riva. Il padre di Kreische era anch’egli calciatore, nel Dresden, ed era stato un buon amico di Helmut Schon. È stata una voce critica nei confronti della dittatura. La facciata della Chiesa era stata progettata dal Borromini, poco amato dal Bernini, il quale avrebbe quindi scolpito in tal modo la fontana in segno di scherno nei confronti dell’artista rivale. Si racconta che. Dichiara Caszely di aver sempre rifiutato di stringere la mano a Pinochet e di non averlo mai degnato di un saluto. Siccome non sono previsti i calci di rigori, nella mezzora dei supplementari le due squadre inscenano una pantomima finalizzata a non segnare, per spartirsi così la medaglia. Durante il sorteggio del 5 di gennaio, non appena le due squadre sono state inserite nello stesso girone, un velo di silenzio attonito è calato alcuni istanti sulla sala, per poi risolversi in un applauso. Per la cronaca il titolo olimpico è conquistato dalla Polonia che si impone in finale sull’Ungheria. Perché voglio vivere domani in una democrazia libera, sana e solidale. La nazionale cilena avrebbe dovuto riunirsi proprio il giorno undici per preparare al sfida con i sovietici, ma l’appuntamento viene annullato. Infatti le ultime partite dei gironi non si giocano in contemporanea, quindi il pareggio dell’altro incontro (Cile – Australia), disputato nel pomeriggio, ha dato il via libera ai tedeschi di una parte e dell’altra. Le due Germanie si presentano alla sfida fratricida già qualificate alla seconda fase della competizione. Ricevono anche una discreta dose di fischi. Caszely ha giocato dal ’73 al ’78 in Spagna (Levante ed Espanyol), prima di tornare in Cile, sempre nel Colo Colo. Il suo addio al calcio, nel 1986, si è trasformato in una manifestazione politica contro il regime militare, con scontri e arresti. In realtà le due Germanie si sono incrociate altre volte, mai però in occasioni riconosciute dalla Federazione internazionale. È di fede politica socialista; si dice che, una volta tornato negli spogliatoi, vomiti l’anima, e che non sia il solo. La sera stessa portò tutta la squadra a ubriacarsi, perché da una caduta del genere potevano rialzarsi, sul momento, solo bevendo per dimenticare; e un po’ più avanti, solo provando a vincere il titolo mondiale. Nel secondo tempo, infatti, Caszely viene espulso per doppia ammonizione, in seguito a un brutto fallo di reazione. Fra gli occidentali scende in campo Hoeness, futuro protagonista al Mondiale. Dopo una vittoria (sofferta) contro Haiti e un pareggio contro l’Argentina, agli azzurri non riesce la cosa più facile: ottenere un punto contro la Polonia, risultati che avrebbe consentito a Tomaszewski & co. di conquistare il primo posto del girone e per l’Italia sarebbe rimasto il secondo: gli azzurri perdono per 2-1 e non passano il turno. Erano attesi a un riscatto che mancarono clamorosamente, ma quella sconfitta rappresentò una svolta. Invece pareggia, uno zero a zero abbastanza scialbo, sopra un campo ridotto ad acquitrino. Per anni la partita fra le due Germanie è rimasta nell’immaginario collettivo tedesco, da un parte e dall’altra del confine. Un confronto quindi latente, ma presente. L'età dei giocatori è relativa al 13 giugno 1974, data di inizio della manifestazione. La partita decisiva è contro i rumeni. Alla Coppa Rimet, definitivamente assegnata al Brasile, subentra la Coppa del Mondo Fifa. Sotto pubblica le felicitazioni della giunta militare per il risultato conseguito dalla nazionale. Giocano di fatto i titolari per entrambe le squadre. Dalle cronache risulta una coriacea partita difensiva dei sudamericani, guidati dai due difensori centrali Figueroa e Quintano, mentre l’URSS preme con forza ma non passa. immagine in evidenza: Lo stadio di Santiago del Cile durante il golpe – blog.futbologia.org, La formula delle qualificazioni per la fase finale del Mondiale 1974 prevede, come spesso accade, l’epilogo di uno spareggio intercontinentale. Il Cile diventa l’esempio più triste. Viene loro imposto il silenzio, pena la minaccia esplicita di ritorsioni nei confronti delle loro famiglie rimaste in patria. This website uses cookies to improve your experience. Ecco (dall'inizio) la splendida azione corale di questa fantastica Nazionale, che porta Marco Tardelli a segnare il gol del 2-0. , tecnico dei tedeschi dell’ovest. La sfida è nel complesso equilibrata. Come il, Abbiamo già descritto, poi, l’importanza extra-calcistica dell’incontro per i tedeschi occidentali. Attenzione: in una sola occasione prima di allora una nazionale era riuscita a laurearsi Campione del Mondo dopo aver perso un partita nel corso della fase finale del torneo. Si disputa paradossalmente all’Olympiastadion di Berlino Ovest, l’impianto che ospitò le Olimpiadi del ’36, durante il nazismo. Il 21 dicembre 1972 è stato firmato il Trattato fondamentale, attraverso il quale Germania Ovest e Germania Est hanno allacciato relazioni politiche, ma non diplomatiche, ed hanno riconosciuto il loro confine. In attacco poi c’è Hugo Sotil, giocatore del Barcellona, dove è molto amato. Il particolare spareggio tra le due rappresentative si ripete nuovamente prima delle Olimpiadi del 1964: in questa occasione il pubblico è ammesso sugli spalti e, nella doppia sfida, prevalgono i tedeschi orientali. Le pressioni internazionali hanno spinto la, Sempre nel 1988, ma nella vecchia Europa, accade un altro evento che ha stretti legami con la Coppa del Mondo del ’74. Sarà definito Rey del metro cuadrado per le sue dotti sullo stretto, in particolare in area di rigore, e si chiama Carlos Caszely. Dichiarerà infatti Hugo Gasc, l’unico giornalista cileno presente in Russia al seguito della nazionale: “Per fortuna l’arbitro era un anticomunista rabbioso. Poche nazionali, inoltre, accettano di scendere in campo con la formazione sudamericana, rappresentante di un regime repressivo e sanguinario. Il primo incontro vede contrapposta la formazione sudamericana ai padroni di casa. In attacco c’è un giovane e promettente attaccante riccioluto, basso e tarchiato – ricorda un po’ Maradona nelle fattezze. Dichiara Caszely di aver sempre rifiutato di stringere la mano a Pinochet e di non averlo mai degnato di un saluto. Vorrebbe buttare la palla fuori in un gesto di protesta, ma non ne ha il coraggio. Il padre di Kreische era anch’egli calciatore, nel Dresden, ed era stato un buon amico di Helmut Schon. I giocatori avanzano, si passano la palla l’uno con l’altro e poi la infilano nella rete sguarnita. Si racconta che Beckenbauer prese in mano le redini della situazione. La partita di calcio Germania Est-Germania Ovest 1-0 venne giocata il 22 giugno 1974 tra le nazionali di Germania Est e Germania Ovest, rivali più dal punto di vista politico – la prima, Repubblica Democratica, sotto l'influenza dell'Unione Sovietica mentre la seconda, Repubblica Federale, sotto quella degli Stati Uniti d'America – che sportivo. Epica, etica, politica ed estetica della Coppa del Mondo FIFA, Home » Germania Ovest 1974 » Germania Ovest, 1974 II. Il Cile abbandona quindi mestamente il Mondiale, tornando a casa subito dopo il girone eliminatorio. All’interno della Federazione cilena c’è chi propone di giocare al di fuori di Santiago, ma la junta è irremovibile: si giocherà nell’Estadio Nacional della capitale. Ad esempio, il rapporto è stato intenso negli anni Trenta del Ventesimo secolo. A tredici minuti dalla conclusione ecco che segna la Germania Est. Il nuovo trofeo, opera del milanese Silvio Cazzaniga, raffigura due calciatori con le mani levate al cielo che sollevano il mondo: a differenza dell’antenata, la nuova coppa sarà però perenne proprietà della Fifa: alla federazione vincente viene consegnata a titolo definitivo una […] CAMPIONI DEL MONDO 1934 1938 1982 2006 Home page Archivio/statistiche Italia Video e highlights Serie A (classifiche, risultati, stats) Juworld.NET Contatti Le due Germanie si presentano alla sfida fratricida già qualificate alla seconda fase della competizione. Al quarto appuntamento, gli Europei sono ormai adulti: vi partecipano tutte le squadre del continente, con la sola eccezio­ne del Liechtenstein. ai danni di Francia e Irlanda. Lo stesso Allende è morto con le armi in pugno. Nella squadra cilena gioca un valido centrocampista, nonché capitano, Francisco Valdez. Gli altri gironi sono ancora aperti. Le delegazioni iniziano a presentarsi divise a partire dai Giochi del 1968. . CAMPIONI DEL MONDO 1934 1938 1982 2006 Home page Archivio/statistiche Italia Video e highlights Serie A (classifiche, risultati, stats) Juworld.NET Contatti per le sue idee politiche di sinistra, professate soprattutto negli anni giovanili. Solo un anno dopo sarebbe caduto il Muro di Berlino e nel 1990 la Germania sarebbe tornata a essere una sola. A Lima il Perù vince due a zero con doppietta di Sotil, ma a Santiago il Cile si impone con lo stesso risultato. Il medico della squadra però, Jacobo Helo, è anche il medico personale del capo dell’aviazione militare, il generale Leigh1)Pablo Are Geraldes, El gol mas triste de Chile, Fox Sports, ottobre 2008 jQuery("#footnote_plugin_tooltip_1").tooltip({ tip: "#footnote_plugin_tooltip_text_1", tipClass: "footnote_tooltip", effect: "fade", fadeOutSpeed: 100, predelay: 400, position: "top right", relative: true, offset: [10, 10] });. Durante l’incontro, nel secondo tempo, degli attivisti invadono il terreno di gioco con un’enorme bandiera cilena per protestare contro la giunta di Pinochet; un nutrito nugolo di poliziotti interviene di corsa per portarli via. Non è la prima volta che un calciatore lascia la DDR per scappare in occidente, per quanto sia un evento piuttosto raro poiché si parla pur sempre di una categoria privilegiata anche al di là del Muro. In Europa la fase eliminatoria fa annotare la clamorosa eliminazione dell’Inghilterra, costretta a dare strada alla Polonia (vera rivelazione anche nella fase finale) che a Wembley presenta agli appassionati un portiere gigantesco (Tomaszewski) e imbattibile. Sfrutta un girone di qualificazione non proibitivo che la vede opposta a Romania, Finlandia e Albania. Calcio e potere. Però, a metà degli anni Settanta, il calcio tedesco orientale vive il suo momento storico migliore. Siccome non sono previsti i calci di rigori, nella mezzora dei supplementari le due squadre inscenano una pantomima finalizzata a non segnare, per spartirsi così la medaglia. Nel 1974 la sua cessione, per lasciare spazio ad un altro straniero – l’olandese Neeskens –, scatenerà le proteste del tifo catalano. Le qualificazioni si compongono di 9 gruppi (cinque gruppi di quattro squadre e quattro gruppi di tre squadre), con partite di andata e ritorno. In quegli anni il torneo calcistico delle Olimpiadi è una questione privata dei paesi del blocco socialista, i quali schierano di fatto le nazionali maggiori con il pretesto – soltanto tale – di non avere sportivi professionisti. Uno a zero per la DDR, non c’è più niente da fare. Così avviene. Il primo incontro vede contrapposta la formazione sudamericana ai padroni di casa. Uno dei personaggi scolpiti, posto di fronte alla Chiesa di Sant’Agnese in Agone, pare allungare un braccio terrorizzato, quasi a ripararsi da un imminente crollo. Proprio in occasione del Mondiale casalingo, per il ruolo di regista, è in competizione con il capellone Netzer: il ct Helmut Schön gli affida le redini del comando e Overath non delude. Lo stadio lager. I prigionieri ormai sono stati trasferiti altrove e all’Estadio Nacional di Santiago affluiscono diverse migliaia di spettatori. I cartellini sono stati introdotti solamente nel corso della precedente edizione del torneo, e questo è il primo rosso della storia dei Mondiali. La Nazionale di calcio tedesca (ted. Oggi in TV, la guida tv del Digitale terrestre, sky, mediaset premium Invece pareggia, uno zero a zero abbastanza scialbo, sopra un campo ridotto ad acquitrino. La stessa dinamica si ripete quindi negli anni Settanta. Il giocatore in questione, infatti, non è uno qualsiasi. Festeggiano come se avessero conquistato il Mondiale, e in pratica il loro torneo finisce con la soddisfazione della vittoria in quella sfida. Dall’altra parte c’è il nostro Sparwasser. Si è fatto fotografare in casa con le immagini alle pareti di Mao e di Che Guevara; pare inoltre si presentasse agli allenamenti con il libretto rosso del presidente cinese sotto braccio. Insieme a Francisco Fluxá, capo della delegazione, lo abbiamo convinto che non potevamo perdere a Mosca, e onestamente il suo arbitraggio ci aiutò molto”2)Ibidem jQuery("#footnote_plugin_tooltip_2").tooltip({ tip: "#footnote_plugin_tooltip_text_2", tipClass: "footnote_tooltip", effect: "fade", fadeOutSpeed: 100, predelay: 400, position: "top right", relative: true, offset: [10, 10] });. Sarà il loro primo e ultimo incontro ufficiale. Le immagini dello stadio rimbalzano sui giornali e sulle televisioni di tutto il mondo per precisa volontà dei militari al potere. Dal 1951 la FIFA accetta l’esistenza in Germania di due realtà calcistiche separate. L'uomo e il mare speciale "coppa america 2020/21" La partita è in programma allo Stadio Lenin. Non è la prima volta che un calciatore lascia la DDR per scappare in occidente, per quanto sia un evento piuttosto raro poiché si parla pur sempre di una categoria privilegiata anche al di là del Muro.